Lifebrain acquisisce la proprietà del Gruppo Caravelli, storico presidio di analisi cliniche, diagnostica ambulatoriale, genetica e medicina del lavoro, fondato a Bologna nel 1952.

Con questa acquisizione, Lifebrain consolida la presenza in Emilia-Romagna, dove già conta più di 20 centri nelle Province di Bologna, Ferrara, Parma, Piacenza e Reggio Emilia.

Con oltre 55mila pazienti assistiti all’anno e 300mila esami erogati, il Gruppo Caravelli rappresenta un punto di riferimento per la salute dei bolognesi, in grado di offrire prestazioni di diagnostica di laboratorio ed ambulatoriale sia di base che di alta specializzazione, grazie al supporto di personale medico, specializzato nelle principali branche della diagnostica.

L’acquisizione del laboratorio d’analisi Caravelli, punto di riferimento e realtà storica e affermata nella città di Bologna nella diagnostica di laboratorio ed ambulatoriale” commenta il Direttore Generale di Lifebrain Riccardo Manca,  “si inquadra nel percorso di crescita del Gruppo Lifebrain, con particolare riferimento alle città metropolitane, con l’obiettivo di consentire un accesso sempre più capillare ai nostri servizi di analisi cliniche.

Desideriamo rafforzare la presenza locale, grazie a realtà affermate, come Caravelli, la cui qualità è ampiamente riconosciuta dai pazienti e dalle istituzioni locali, con l’intento di rendere accessibile a tutti i pazienti l’eccellenza nella medicina di laboratorio”.

L’ingresso in un gruppo di respiro nazionale quale Lifebrain, rappresenta un ulteriore volano per la nostra crescita – commenta la dottoressa Giovanna Cenni, della Direzione del Gruppo Caravelli – e ci permette  di continuare a offrire ai nostri pazienti, servizi con i più alti standard tecnici e qualitativi e soprattutto, grazie alle consolidate partnership di Lifebrain con importanti fornitori nazionali ed esteri – conclude la dottoressa Cenni – ci consentirà di offrire servizi diagnostici all’avanguardia, garantendo la massima qualità e affidabilità dei dati che finora ci ha contraddistinto”.